San paolo, il pasese vinicolo

Il cuore dell'Oltradige

Vigneti

Una simbiosi tra paese, persone e vino

Nel mezzo di un pittoresco paesaggio collinare, ornato da vigneti posizionati in forte pendenza e ai piedi della Costiera della Mendola, sorge un paese dall’anima speciale: San Paolo, un borgo medievale con cantine che si inoltrano in profondità nell’interrato, una piazza principale con un imponente campanile e l’edificio centenario della nostra cantina proprio accanto. Dove potrebbe essere più forte il legame tra il paese, la gente del posto e il vino se non qui?

Lo storico paese di San Paolo è circondato dai colori dei vigneti dell’Oltradige, riscaldato dal sole del mattino e rinfrescato dalle temperature notturne. Le vigne si addentrano fino al cuore del borgo medievale. In ogni angolo, sia in prossimità della piazza centrale che sugli appezzamenti situati più ad alta quota, le nostre viti prosperano traendo linfa vitale dai terreni estremamente fertili protetti dalla presenza delle Alpi. Anche i Reti e i Romani erano a conoscenza delle condizioni climatiche favorevoli e delle eccellenti caratteristiche del suolo di questo paesaggio e vi praticavano la viticoltura. Nell’Alto Medioevo le persone gareggiavano per possedere i vigneti e il “succo della vite” era una fonte di reddito molto apprezzata già a quel tempo.

Chiesa parrocchiale di San Paolo

Il simbolo della comunità

In qualunque delle nostre cantine ci si trovi, l’echeggiare dei suoni della Chiesa parrocchiale di San Paolo si sente ovunque, la guglia barocca spicca sempre nell’azzurro del cielo. E non c’è di che meravigliarsi: con palese orgoglio e ammaliante imponenza, il “Duomo di campagna” troneggia tra le strette viuzze medievali di San Paolo. Le sue dimensioni possenti ne fanno un punto di riferimento da vicino e da lontano, oltre che il fulcro di un borgo intriso di magia. E allo stesso tempo rappresenta il nostro simbolo, che incarna lo spiccato senso di appartenenza della comunità del paese.

Non ci sono articoli nel carrello